GQB 2001

Da GQBWiki.

La prima campagna di indagini (ottobre 2001) è stata integralmente dedicata ad attività preliminari di ricognizione, documentazione e diagnostica archeologica, con l'obiettivo di arrivare a una più attenta valutazione complessiva della natura, della consistenza fisica e della potenzialità informativa del deposito archeologico conservato, in vista della apertura di uno o più saggi di scavo a partire dall’estate del 2002.

E' stato quindi realizzato un primo rilievo topografico digitale dell’area, utilizzando un teodolite elettronico e individuando sul terreno una serie di punti di riferimento collegabili alla planimetria digitale dell'intero sito in corso di elaborazione da parte di un'altra équipe.

Tutta l'area potenzialmente indagabile (ca. 1600 mq.) è stata quindi sottoposta a una prospezione magnetometrica, utilizzando un gradiometro fluxgate e adottando una strategia di alta risoluzione, con misurazioni effettuate ogni 0.5 m, lungo profili interdistanti 0.5 m, per un totale di ca. 7200 rilevazioni.

L'analisi delle micro-variazioni del campo magnetico terrestre ha permesso di individuare numerose anomalie, probabile indizio della presenza nel sottosuolo di un fitto reticolo di muri, con ogni probabilità da riconoscere come resti degli edifici che costituivano appunto il tessuto urbano del Quartiere Bizantino.

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Wiki
Scavo
Seminario
Bibliografia
Strumenti